Piu di 6 milioni di euro di economia in Abruzzo senza costi e senza interessi per i 665 iscritti al circuito Abrex

 

Sembra quasi ci siano due sistemi economici, uno che soffre, non riesce ad accedere al credito e, di contro, uno che cresce e accede velocemente al credito senza costi e senza interessi, invece il sistema economico è lo stesso! La differenza è solo tra le aziende che hanno capito che il mondo cambia e quelle che continuano a cercare una soluzione utilizzando gli stessi strumenti che hanno generato la crisi.

Il Circuito Abrex traccia il bilancio del primo semestre 2018 e con soddisfazione segna un altro segno positivo nella crescita con un +220% di economia locale raggiungendo i 6,4 milioni di euro di fatturato generato dai 665 iscritti.

Ne dà notizia, con soddisfazione, il Presidente Angelo D’Ottavio: “lo sforzo dei fondatori della nostra StartUp inizia a produrre i risultati auspicati, a tre anni dalle prime vendite dei nostri iscritti registriamo una crescita non solo del fatturato, ma soprattutto rispetto alla quantità di acquisti, vendite e coinvolgimento delle comunità locali”.

Gli iscritti aumentano e iniziano, sempre di più, a essere rappresentativi del sistema economico locale, oltre alle imprese, iniziano ad essere numerosi i dipendenti delle stesse che utilizzano il credito senza costi e senza interessi, come descrive il Direttore generale, la dott.ssa Sara Cicchelli: “i dipendenti utilizzano il nostro circuito per effettuare acquisti dai nostri iscritti di ogni tipo, dalle spese sanitarie (dentista, osteopata, diagnostica) fino alle spese per la manutenzione dell’abitazione e della vettura, ma ultimamente stiamo registrando grandi soddisfazioni dal settore delle cerimonie, abbiamo dipendenti che hanno utilizzato il nostro credito senza costi e  senza interessi per i festeggiamenti della comunione die figli, per il compleanno e, a brevissimo avremo un matrimonio 100% in Abrex, ma questo ve lo racconteremo a tempo debito!”.

Ad oggi Abrex ha iniziato a misurare anche quanto questa economia riesca ad incidere sulle comunità, su aree territoriali puntuali e direttamente sui comuni, il segno positivo è stato registrato ovunque, da Vasto a Orsogna, da Chieti a Cepagatti il Presidente D’Ottavio: “a metà 2018 siamo in grado di dimostrare quanta economia aggiuntiva abbiamo prodotto direttamente nei comuni, ad esempio a Orsogna abbiamo generato più di 300.000,00€ di economia, mentre a Chieti più di 450.000,00€ e a Vasto, città che ospita la nostra sede legale e operativa, l’economia generata dagli iscritti al circuito è stata di 670.000,00€ circa, dati che fanno guardare al futuro con grande fiducia e che ci stimolano ad andare avanti con maggiore impegno, determinazione e forza”.

Nei prossimi giorni Abrex presenterà il primo progetto rilevante che ha realizzato con una Amministrazione Pubblica, a dimostrazione che il “cambio di paradigma” può determinare un vantaggio a favore di tutti quelli che vogliono crederci, conclude Angelo D’Ottavio: “facciamo un appello a tutti i soggetti impegnati nello sviluppo locale, dai rappresentanti politico/istituzionale, alle associazioni di categoria, fino alle forza sindacali: i nostri uffici e il nostro management è a disposizione di chiunque voglia fare qualcosa per uscire dalla difficoltà che attanaglia l’economia locale, ma abbiamo bisogno tutti di un forte cambio di mentalità e di paradigma perché la crisi ha determinato un forte cambiamento che dobbiamo affrontare uniti con strumenti innovativi e condivisi”!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *