Dopo Chieti e il Blockhaus nel 2017, anche quest’anno il Giro fa tappa nella nostra Regione.

La bellezza del territorio, la caparbietà dei percorsi, la presenza dell’eccezionale patrimonio storico artistico, sono solo alcune delle peculiarità delle tappe che approdano in Abruzzo, e poi lo lasciano, anche in questo 2018.

La più celebre gara ciclistica italiana e una delle più importanti del panorama internazionale, seconda solo al Tour de France, è il Giro d’Italia che vide i suoi natali nel lontano 1909. La corsa rosa, così chiamata per via del colore del giornale che la organizza ininterrottamente da oltre un secolo, La Gazzetta dello Sport, scelse di imitare il Tour con tappe non consecutive disputate su strade dai fondi squassati e caratterizzate da orari di partenza e arrivo oggi improponibili.

Stabilita la partenza assoluta a Milano, le sedi di tappa furono individuate nelle città italiane più importanti e qui c’è una piacevole sorpresa per l’Abruzzo, visto che tra le otto città regine d’Italia, c’era pure la nostra Chieti che nell’edizione 2017 ha degnamente accolto il Giro del Centenario.

Quest’anno, nell’edizione n. 101, ancora l’Abruzzo torna a essere protagonista, in area vestina. Dopo le prime tappe in territorio israeliano, con partenza da Gerusalemme e dopo l’approdo in Sicilia, la IX tappa giungerà, domenica 13 maggio, in territorio abruzzese, con arrivo sulle mitiche cime del Gran Sasso d’Italia, a Campo Imperatore, 19 anni dopo l’impresa firmata da Marco Pantani che, in quel freddo giorno di maggio del 1999, legò per sempre il suo nome al Gran Sasso, rendendolo immortale nella storia del ciclismo italiano.

Il giorno successivo i corridori riposeranno dedicandolo a Rigopiano di Farindola salendo, con i parenti delle vittime, per un momento privato dedicato al ricordo delle 29 persone scomparse a seguito della valanga che il 18 gennaio 2017 ha travolto il resort. Una iniziativa fortemente voluta dal direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni. Sarà una straordinaria opportunità di rilancio per Farindola che sfrutterà il passaggio del Giro per promuovere le sue bellezze e le sue eccellenze.

Il 15 maggio il Giro d’Italia ripartirà da Penne  con la X tappa per giungere, dopo aver percorso 239 km, a Gualdo Tadino. La visibilità, a livello mondiale, sarà unica per non dimenticare la tragedia di Rigopiano, per Farindola, per Penne, per l’area vestina tutta con le sue bellezze, per il territorio montano dell’aquilano e del teramano: da mesi fremono i lavori organizzativi per accogliere la carovana rosa e la sua scia di italiana promozione e valorizzazione dei territori attraversati.

Un team competente di operatori turistici, Enti pubblici (Comune di Farindola, Comune di Penne, Regione Abruzzo), professionisti e associazioni dello spettacolo e della cultura, hanno realizzato un programma di eventi e attività per accogliere il sempre sentito passaggio del Giro d’Italia.

I primi eventi, verificatisi nei giorni scorsi, hanno riscosso enorme successo: a Gualdo Tadino, una Visita istituzionale da parte della delegazione della Città di Penne e Farindola in occasione del gemellaggio tra le Città di tappa Penne, Farindola e Gualdo Tadino, è stata condita da un convegno sulle rievocazioni storiche medievali che animeranno i Comuni di Gualdo Tadino e di Penne durante il Giro che sarà replicata a Penne e Farindola il prossimo 6 maggio; la “Partita del Cuore”, a cura dell’Associazione Cuore Nazionale Abruzzo, tra vecchie glorie del Pescara Calcio e del Bari Calcio; da ieri la classica rassegna con concorso  “La Vetrina del Giro”, a Cura del Comitato di Tappa del Giro d’Italia, riservata a tutti i commercianti dei Comuni di Penne e Farindola che mostreranno le vetrine allestite a tema con il passaggio del Giro.

Dall’8 Maggio, saranno presentate, a Farindola e Penne, numerose iniziative legate al mondo del ciclismo, come una singolare attività di scuola guida “ La patente del ciclista ” a cura del Comando di Polizia Municipale: un evento didattico volto all’apprendimento delle good practices per la guida in bicicletta. Il 10 maggio, invece, sarà completamente dedicato al lupo: presso la Riserva Naturale Regionale Lago di Penne, la Cooperativa Cogecstre orhanizzerà Incontro con il Lupo, un convegno con gli interventi di esperti del settore in cui si parlerà dell’animale simbolo del nostro Appennino. Nel corso dell’incontro sarà inaugurata l’area faunistica dedicata al Lupo. In serata, lo spettacolo teatrale “ Lupo In-Canto” storie di uomini e lupi, a cura di Muré Teatro con Marcello Sacerdote, Musiche di Flavia Massimo.

L’Abruzzo è terra di artigiani di lunga tradizione ed estremamente preparati. L’11 maggio inizieranno una serie di laboratori artigianali realizzati presso il Palazzo delle Eccellenze (ex Tribunale di Penne): la Casa delle Arti e dei Mestieri”, a cura dell’Associazione “ ArtigianartePenne ”, sono una serie di laboratori artigianali sulla ceramica che nascono con l’intento di recuperare una tradizione molto antica a Penne e in tutta l’area Vestina. Inoltre, presso il Museo di Arte Moderna MAMEC sarà inaugurata la mostra permanente “ Tessere l’Arte ” in cui sarà riproposta la mostra sull’Arazzeria Pennese e la sua tradizione artigianale sugli arazzi.

Intanto a Farindola, i ragazzi della Soc. Coop. Tu.Te.Ve., gestori della struttura ricettiva La Cuccumella, inaugurano un nuovo spazio esterno con veduta panoramica sul Gran Sasso, “Terrazza sul Gran Sasso”. A seguire, dj set. Nella stessa serata, a Penne, dopo l’apertura  di Stand Gastronomici per gustare le eccellenze enogastronomiche del territorio, presso il Chiostro Comune di Penne si terrà lo spettacolo teatrale “ Aghe e file ”, a cura della compagnia teatrale “Compagnia del Paradosso”, con Fausto Roncone e Matteo Di Claudio, musiche originali di Fausto Roncone eseguite dal vivo, regia Giacomo Vallozza. Sarà rappresentata la storia di Natale, sarto artigiano del dopoguerra costretto dalla necessità a lavorare in un’industria tessile.

Altri eventi che mostreranno la natura culturale dei centri vestini si terranno il 12 Maggio: a Farindola, il “ Gruppo Fai Penne”, con l’accompagnamento degli aspiranti Ciceroni delle scuole di Farindola, saranno proposti una serie di itinerari per le vie e le piazze del cuore di Farindola. Sempre a Farindola sarà inaugurata la 1° Mostra Estemporanea di pittura a cura dell’associazione dell’Associazione Farindola International Arts Festival, in collaborazione con l’Associazione Pittura e Poesia. Tema della estemporanea: “Farindola tra scorci, storia e tradizione.”

Sempre dal 12 Maggio, a Penne, i musei saranno aperti al pubblico con orario continuato dalle 10:00 alle 22:00. Gli immancabili stand gastronomici allieteranno i palati dei visitatori della città. Nel pomeriggio, presso il Palazzo delle Eccellenze (ex Tribunale di Penne), convegno “L’olio extravergine d’oliva delle Terre Vestine”, a cura della Pro Loco di Penne, sull’oro verde d’Abruzzo con degustazione finale di prodotti tipici presso il Salone del Gusto.

Nella notte tra il 12 e il 13 maggio, “La Notte Rosa”, un  evento che animerà tutto il centro storico di Penne colorando le vie di rosa con intrattenimento di vario genere. Musica, animazione di strada, artigianato, laboratori, teatro ed enogastronomia saranno i temi portanti della serata. Scopo ultimo della manifestazione sarà la promozione e la valorizzazione della Città di Penne e del suo incredibile centro storico al fine di far conoscere la loro storia e le loro tradizioni a tutti i visitatori. A cura della Associazione Altinumerideibassifondi sarà presentato un ricchissimo programma di spettacoli con musica live, spettacoli teatrali itineranti, animazione e tanto altro.

La febbre del Giro sale e il 13 Maggio, Penne ospiterà, presso il Palazzo delle Eccellenze, una replica dei laboratori artigianali su ceramica, tessitura degli arazzi e realizzazione di oggetti di artigianato artistico. Nel pomeriggio, nella stessa sede, un performance artistica a cura dell’Associazione “L’Orfeo Folle”, accompagnerà la realizzazione dei laboratori. Durante la giornata, i membri della locale sezione del FAI, con l’accompagnamento degli aspiranti ciceroni delle scuole di Penne, proporranno una serie di itinerari per le vie e le piazze del cuore di Penne.

Durante tutta la giornata, gli Stand Gastronomici offriranno il meglio dei prodotti tipici del territorio. La serata pennese sarà allietata dallo spettacolo teatrale, presso il Chiostro del Comune di Penne, “ Mio nonno l’olivo ” a cura della compagnia teatrale “Compagnia del Paradosso”, con Fausto Roncone e Matteo Di Claudio, musiche originali di Fausto Roncone eseguite dal vivo, regia Giacomo Vallozza. Sarà rappresentata la storia di un uomo che, giunto al tramonto della propria esistenza, vede nel nuovo che avanza l’inesorabile fine anche del rapporto dialettico tra l’uomo e la natura, l’uomo e il divino. La serata di Farindola, invece, sarà accompagnata dal concerto folk de “Gli Scordati” e dai live delle Cover band Vasco Rossi, Ligabue, Tiziano Ferro, Claudio Baglioni, Zucchero.

Il 14 maggio, giornata di riposo dalle tensioni agonistiche del Giro, offrirà una visita guidata alla Cascata del Vitello d’oro, nel cuore della lussureggiante Valle d’Angri e un’escursione a piedi sui sentieri di Camminar mangiando a cura della sezione di Farindola del Club Alpino Italiano, di circa 3 ore, che accompagnerà gli ospiti a visitare il bellissimo ambiente naturale che circonda il paese di Farindola. Sempre a Farindola si terrà la gustosa anteprima della sagra “Pecorino & Pecorini”, l’evento enogastronomico che ricalca l’omonima sagra che da anni si tiene con successo nel mese agosto. Si prepareranno piatti speciali a base di “frutti del gregge”, con degustazioni di olio e vino abruzzesi. A Penne, gli stand gastronomici di Aspettando il Giro saranno animati  da animazione e musica live, con un concerto di musica popolare de “La tribù”. Sempre in serata, nel Chiostro del Comune di Penne, sarà allestita “Penne Wine”, una degustazione di vini Montepulciano d’Abruzzo e prodotti locali con intrattenimento musicale.

Finalmente è arrivato il 15 Maggio, il giorno della partenza della tappa da Penne. In mattinata, per il concorso “La Vetrina del Giro” saranno premiate le due vetrine, una di Penne e l’altra di Farindola, che hanno partecipato al concorso e sono state ritenute le più meritevoli. In attesa della partenza della 10° tappa del Giro d’Italia, in Piazza Luca da Penne si esibirà la famosa Orchestra del Saltarello. Alle 11, dunque, partenza della 10° tappa del 101° Giro d’Italia. Nel pomeriggio, a Collecorvino, presso il Convento San Patrignano, si terrà un salotto sulla decima Tappa del Giro d’Italia.

Questo è il Giro 2018 in Abruzzo: eventi, attività, manifestazioni a corredo, tutto per rendere una corsa come il Giro d’Italia un evento sportivo sempre più bello e spettacolare: da questo punto di vista, le differenze con il Tour de France sono nettamente a favore della corsa rosa. Incolmabile, almeno per i prossimi 4/5 anni, è il gap a livello economico: il Tour ha fatturati che sfiorano quelli di una squadra di calcio affermata, ma gli obiettivi dei nuovi padroni della Gazzetta, la Urbano Cairo e Co., sono di colmare le differenze in tempi brevi.

In tutto questo Abrex c’è! Abrex è uno dei partners principali del Comitato Tappa di Penne e, grazie all’eterogeneità dei suoi associati, riesce a dare anche a questo importante evento abruzzese un valido supporto: dalla comunicazione alla logistica, dalla ricettività turistica alla progettazione dei dettagli delle tappe che approderanno in Abruzzo. L’Abruzzo è nel sangue di Abrex e il miglior modo per ripagare il sentimento di appartenenza e la tenace resilienza abruzzese è quello di innalzare il nome della regione “verde, forte e gentile” sugli allori della nazione.

Ora, godiamoci il Giro in Abruzzo!

 

Daniele Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *