Tempo di bilanci per il Circuito Abrex e di progetti di sviluppo per il 2018: obiettivo 1.000 imprese iscritte

In questo perdurante periodo di crisi finanziaria che, nel tempo, ha generato una crisi economica straordinaria, in Abruzzo esistono imprese che crescono e chiudono bilanci con dati positivi: è il caso della StartUP Abrex e della Moneta anticrisi d’Abruzzo.

In poco più di due anni il Circuito di imprese che, in Abruzzo accedono al credito senza costi, senza interessi e senza le rigide regole europee, sono diventate quasi 500 con un volume di affari che ha raggiunto 200.000,00€ mensili.

Abrex nasce dall’esperienza sarda di Sardex che, a sua volta, chiuderà il 2017 con quasi 100 milioni di euro di acquisti e vendite che le quasi 5.000 imprese iscritte si accingono a realizzare.

La Moneta anticrisi d’Abruzzo nasce a Vasto, ma ad oggi ha esteso il suo raggio d’azione a tutta la provincia di Chieti, di Pescara e ha iniziato lo sviluppo sulla territorio della provincia di L’Aquila.

Per il 2018 gli obiettivi di Abrex sono ambiziosi: raggiungere il traguardo delle 1.000 imprese iscritte e iniziare a permettere anche ai dipendenti delle stesse di accedere al credito senza costi e senza interessi.

Il modello Sardex, dal 2010, è stato replicato con successo, come in Abruzzo, anche in altre 10 regioni italiane (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Campania, Molise-Sannio): questi circuiti di credito commerciale, nel loro complesso, hanno raggiunto il ragguardevole numero di circa 5.000 iscritti.

Abrex, quindi, è uno strumento finanziario innovativo che supplisce alla crisi di liquidità e alla tradizionale difficoltà di accesso al credito bancario del quale soffrono le imprese: queste, soprattutto Pmi e professionisti, ne sono state, in questi anni di attività dei Circuiti di credito, il riferimento principale, con l’obiettivo, non meno interessante, di coinvolgere la pubblica amministrazione e i consumatori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *