All’ interno della splendida cornice del Parco Nazionale della Majella, a Fara San Martino, si staglia l’hotel  del Camerlengo.

Antonio Tavani, titolare e direttore della struttura stringe l’alleanza con Abrex, al fine di colmare il “drammatico” vuoto fra mondo finanziario e mondo imprenditoriale; due semplici strumenti: una tessera ed un codice nelle mani degli iscritti al circuito, per “far marketing”.

“Vendiamo l’Abruzzo agli Abruzzesi, poi viene il resto…”, queste le parole del suo collega albergatore che riecheggiano nella sua mente.

“Camerlengo” incarna la figura del cardinale addetto alla camera del sovrano, ovvero colui che, durante la sede vacante, guida la chiesa nelle questioni di ordinaria amministrazione.

D’estate registra maggiore affluenza, un po’ meno d’inverno, considerata la criticità stradale, a causa delle copiose nevicate che ne rendono difficile l’accesso.

Da oltre 20 anni, specializzati nell’accoglienza di gruppi sportivi e non, si attrezzano con campi di basket, calcetto, volley, piscina di 25 metri, spaziosa area fitness e sala arti marziali.

A rendere agevoli e rilassanti le vostre vacanze ci pensa uno staff preparatissimo; un compito certamente agevolato dalle attrazioni turistiche, a portata di mano e dalle meraviglie naturali che circondano l’hotel. Basti citare le grotte del Cavallone, il Rafting, il Castello di Palena, la Grotta Sant’Angelo, le Sorgenti del Fiume Verde, le Gole di S.Martino e così via…

Un luogo ideale per chi vuole coniugare in una vacanza “unica” natura, relax e gastronomia.

Sostenitori di molteplici eventi, per citarne il più impegnativo, una gara ciclistica per amatori, il Memorial Levino Tavani, in onore del fondatore del Camerlengo, un uomo di azione.

Da due anni a questa parte è stata inaugurata la “Residenza Camerlengo”, una casa di accoglienza per anziani autosufficienti, un luogo di incontro fra giovani e meno giovani che sorge in un’ala indipendente della struttura.

Quarant’anni vissuti fra rose e spine; si sono susseguiti cicli economici di sviluppo e crescita e scenari meno rosei, ma la fiducia e la passione li hanno sempre accompagnati e condotti a testa alta verso il quarantesimo traguardo. In fondo i compleanni sono traguardi che raggiungiamo, composti dai nostri vissuti: gioia e tristezza, lacrime e sorrisi, sconfitte e vittorie.

I nostri più sentiti auguri allo staff del Camerlengo, capitanato dal signor Antonio, per un futuro ricco di soddisfazioni e che quest’anniversario possa essere un punto di partenza per nuove emozioni e gioie, da condividere.

 

Scritto da Ilaria Papa

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *