immagine per articolo

In Abruzzo le imprese si sono organizzate per compensare la mancanza di disponibilità finanziaria e si danno credito e fiducia reciprocamente utilizzando il CIRCUITO di CREDITO COMMERCIALE ABREX

Al 31 dicembre 2016, dopo il primo anno pieno di attività, 95 imprese iscritte ad ABREX hanno ottenuto più di 800.000,00€ di finanziamento senza interessi, (senza dover sottostare ai rigidi parametri di Basilea) e senza rivolgersi a Istituti di Credito, mentre le più di 200 imprese iscritte hanno generato 1.748224,00€ di acquisti e vendite di beni e servizi che si sono aggiunti ai loro relativi fatturati storici.

I dati ufficiali danno risultati che fanno ben sperare per il futuro, al termine del 2016 (che Abrex considera l’anno ZERO, in quanto primo anno pieno di attività) le poco più di 200 aziende iscritte si sono scambiate (in acquisto e in vendita) 1.748.224,00€, un fatturato che, in assenza del Circuito abruzzese, probabilmente non sarebbe stato generato da nessuna delle imprese iscritte.

Questo dato è ancora più interessante rispetto al fatto che, di questo importo, più di 800.000,00€ corrisponde a finanziamenti che ABREX ha erogato, senza interessi e senza costi a 95 PMI abruzzesi che hanno potuto realizzare investimenti senza indebitarsi con Istituti di credito, ottenendo, oltretutto, nuovi clienti e nuovo fatturato in vendita.

Il Circuito
di credito commerciale Abrex seleziona quotidianamente imprese abruzzesi che hanno beni e/o servizi invenduti, li censisce e, grazie al lavoro del MarketPlace e del supporto dell’area broker (dipendenti di Abrex srl) intercetta altre imprese abruzzesi interessate ad acquistare i prodotti disponibili e pagarli piuttosto che con un bonifico bancario, con un bonifico in Abrex.

In questo momento le imprese iscritte hanno messo a disposizione circa 4 milioni di euro di beni e servizi e sicuramente in Abruzzo ci sono imprese interessate ad acquistare parte di questi prodotti, ma che non possono avere la liquidità necessaria, noi possiamo aiutarle a realizzare l’investimento e a vendere i loro prodotti.

Grazie a questa attività l’azienda che ha venduto è riuscita a piazzare dei prodotti che, diversamente sarebbero rimasti invenduti e potrà utilizzare i ricavi derivanti per effettuare altri acquisti, mentre l’azienda che ha acquistato ha potuto soddisfare una esigenza senza doversi indebitare con istituti di credito e recupererà quel debito grazie a vendite che il circuito gli permetterà di effettuare.

Il 2017 si preannuncia molto interessante perché, grazie al lavoro dei consulenti Abrex, il Circuito continua a popolarsi di imprese che, grazie al network, possono uscire dalle difficoltà finanziarie che le attanagliano e proseguire la loro vita economica senza grandi difficoltà e guardare con fiducia al futuro.

 

 

Chieti, 11 gennaio 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *