si è svolto pochi giorni fa a Sulmona, nella “Grancia dei celestini”, una location unica e dalla straordinaria bellezza, il primo meeting del circuito Abrex in Valle peligna.
Su invito di CdO Abruzzo, Abrex ha incontrato una serie di imprenditori locali che con grande entusiasmo hanno accolto il circuito di credito commerciale da poco avviato in Abruzzo.

così Marco Malvestuto, della redazione di OndaTV, ha raccontato l’evento:

Abrex.net: il circuito di credito commerciale come opportunità per le aziende abruzzesi

Ripensare l’economia abruzzese dando fiducia alle imprese locali offrendo la possibilità di fornire servizi di promozione ad alto valore aggiunto e strumenti innovativi di pagamento e di credito complementari da affiancare a quelli tradizionali.

Questo il tema del convegno che ha riunito ieri nei locali della “Grancia dei celestini” a Sulmona diverse aziende del territorio abruzzese e la neonata Abrex.net.

La prima fase del progetto prevede la selezione delle aziende che intendono aderire all’iniziativa, una volta passata questa fase per ogni impresa viene aperto un conto on – line presso la camera di compensazione del circuito. il conto è denominato in una valuta interna: il Credito Commerciale Abrex, spendibile esclusivamente all’interno della rete. Questo sistema fa si che tutti i componenti del circuito possano comprare e vendere beni e servizi pur non disponendo di liquidità reali. Questo circuito rappresenta quindi un mercato complementare e supplementare che aiuta le imprese a recuperare preziose quote di mercato.

Ad organizzare il convegno la “Compagnia delle Opere”, un’associazione di imprenditori nata più di 25 anni fa che ha lo scopo, come scritto nello statuto: “ di promuovere e tutelare la presenza dignitosa delle persone nel contesto sociale e il lavoro di tutti, nonché la presenza di opere e imprese nella società, favorendo una concezione del mercato e delle sue regole in grado di comprendere e rispettare la persona in ogni suo aspetto, dimensione e momento della vita.

Marco Malvestuto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *